domenica 16 settembre 2012

Intervista a "Voglio Vivere Cosi'"

L'intervista rilasciata a Nicole Cascione, lo scorso novembre, 
sul bellissimo sitio "VOGLIO VIVERE COSI'"


CINZIA E FIORENZO: I NOSTRI PRIMI VENT'ANNI IN COSTA RICA   

Partire …..alla ricerca di una nuova vita da vivere in totale semplicità, dedicando più tempo a se stessi e alle persone che amiamo. Questo lo scopo di Cinzia che, vent'anni fa ha lasciato l’Italia e ha scelto il Costa Rica come meta definitiva per trasferirsi, dove ha aperto un Bed & Breakfast con suo marito Fiorenzo.



“Sono arrivata in Costa Rica cosciente di iniziare la mia “nuova” vita in un Paese che veniva – e forse lo è ancora - considerato Terzo Mondo! Quindi sapevo che avrei trovato ovvie differenze culturali. Per chiarirmi meglio, vorrei precisare che vivendo nella Regione Guanacaste – che tuttavia mantiene un’identità rurale – il mio impatto è sempre stato differente a ciò che può essere una vita in città. Vivere a San Josè – Capitale, nella Regione Valle Central – oggi come oggi credo sia uguale, o comunque molto simile, al vivere in Milano. San Josè è una caotica città centroamericana, con molto traffico, molti locali (bar, ristoranti, discoteche, teatri, cinema, moltissimi centri commerciali), molto movimento di gente che va e viene. La “classica” vita di città! Dal gioviale e semplice popolo Costaricense ho imparato cose che non conoscevo, come apprezzare la vita stando a stretto contatto con la natura e soprattutto a viverla in maniera meno stressante, preoccupandomi un po’ meno del domani e più dell’oggi! In Costa Rica abbiamo una frase che è “PURA VIDA”! Identifica esplicitamente la maniera di concepire la vita dai Costaricensi. “Pura Vida” ti viene dato in risposta ad un saluto. Incontri qualcuno e domandi: “Hola como estas?” (Ciao come stai?) e la risposta è “Pura Vida!” All’inizio pensai di trasferirmi in Paesi tipo Spagna o Grecia, poiché desideravo vivere al caldo, ma già a quei tempi erano molto costosi come zone e non era facile “muoversi” per l’Europa come lo è oggi! Poi un giorno, decisi di andare in vacanza in Giamaica. Fu la prima volta che venni da questa parte del mondo! Mi innamorai immediatamente di quello stile di vita “de Playa”. Ma in Giamaica non era possibile aprire un’attività se non con un nativo. Tornai in Italia e alcuni amici mi parlarono della Costa Rica. Dopo diverse ricerche sul mappamondo (allora Costa Rica era ancora meno conosciuta di oggi) trovai questo piccolissimo Paese e scoprii che era l’UNICO PAESE AL MONDO CHE NON AVEVA ALCUNA SPESA GOVERNATIVA PER ARMAMENTI!! Niente esercito in Costa Rica, nemmeno per difesa, dal 1948!! Questo mi incuriosì maggiormente e decisi di andarci in vacanza per rendermi conto del posto personalmente. Appena ci misi piede, mi innamorai di questi luoghi, del clima caldo (odio il freddo, non lo sopporto pur essendo una milanese di nascita!) della gente sempre sorridente e disponibile. Ricordo che una delle cose che più mi colpì furono le persone che, pur non conoscendoti, ti salutavano per la strada. Ormai sono circa 20 anni che viviamo in Costa Rica. Siamo stati per 12 anni in Playa Tamarindo e da 8 viviamo in Playa Carrillo - entrambe nella regione Guanacaste. In Playa Carrillo abbiamo un piccolo Bed & Breakfast CASA BUENAVISTA e mio marito Fiorenzo è massaggiatore e insegnante personal trainer di Karate, presso il nostro B&B. La sua attività è rivolta più che altro ai turisti nazionali ed esteri”.



E’ stato complicato ottenere i permessi per aprire il vostro bed and breakfast ?

Sinceramente no, anche perchè noi eravamo già residenti in Costa Rica da circa 10 anni. Per cui molto facilmente (ma sempre con gli occhi ben aperti, molta conoscenza e moltissima esperienza!) abbiamo comprato il nostro pezzettino di terra qui in Playa Carrillo, costruito la struttura, richiesto la patente (permesso per attività commerciale) ed il “Permiso Sanitario”, ed abbiamo cominciato la nostra avventura!

Come è la vostra vita adesso, rispetto a 20 anni fa?

La nostra vita attuale è molto semplice, frequentiamo i nostri amici di diverse nazionalità, curiamo e ci godiamo il nostro bellissimo giardino, andiamo a camminare in spiaggia, facciamo esercizi di yoga, karate, ecc. per mantenerci in forma, lavoriamo e godiamo delle nuove conoscenze di persone provenienti da tutto il mondo, ospiti nel nostro piccolo B&B. Insomma come diciamo qui “Disfrutamos de la Vida”.

Avete figli?

No, è decisamente più complicato un cambio di vita se si hanno figli! Un grande problema in Costa Rica è l’istruzione. Qui la scuola pubblica è aperta a tutti, ma è scadente come offerta di base e la maggior parte dei figli degli stranieri che vivono qui, frequentano le scuole private, molto costose!




Sono molti gli italiani che decidono di ricominciare una nuova vita a Costa Rica?

Sinceramente non molti, anche se, negli ultimi 2 - 3 anni c’è stato un aumento.

Per chi sceglie di trasferirsi, è difficile ottenere un permesso di soggiorno?

Per noi non fu difficilissimo, ma i requisiti sono completamente cambiati in questi 20 anni. Ora è molto più complicato ottenere una residenza permanente o un permesso di soggiorno. Solo per i pensionati è un poco più semplice ottenere una residenza temporanea, dimostrando però, un reddito fisso mensile di almeno US$1.000

Che consiglio ti senti di dare loro?

Non consiglio a nessuno di fare nulla. Per me è stato facile perchè era, ed è ciò che voglio! Un cambio COMPLETO di vita! L’unica cosa che mi sento di dire a coloro che intendono venire qui dall’Italia (e sono molte le persone che mi contattano quasi giornalmente) è di organizzare dapprima un viaggio esplorativo, per vedere con i propri occhi ed ascoltare con le proprie orecchie, poi prendere una giusta decisione. In questi 20 anni abbiamo visto tanti stranieri che si sono trasferiti qui e poi, a causa del forte impatto con una vita troppo diversa dalla precedente, hanno scelto di ritornare al loro Paese di origine (soprattutto in questi ultimi 2/3 anni, come ti dicevo a seguito dei problemi economici!). Mi sono spesso resa conto che, molte persone, venendo qui in vacanza, rimangono affascinate dai posti, dalla natura, dalle spiagge, dalla gentilezza dei Costaricensi e, ammaliati da tanta bellezza, prendono decisioni un po’ affrettate! In vacanza penso che ogni luogo sia fantastico, se fai una BELLA VACANZA! Anche perché, di solito, la vacanza coincide con i periodi di maggior affluenza di turisti, come Natale o Pasqua e quindi, ci si ritrova con la città e i locali pieni di gente. Poi, passata l’alta stagione, ci si ritrova a vivere in una città quasi vuota, con totale assenza di turisti. A questo punto nascono i problemi! Molto spesso, mi è capitato di vedere gente disperata perché “non c’è in giro nessuno!!!”. Sai, un po’ come “il mare d’inverno”! E questo ha portato poi a rivedere le scelte di molti, anche perché in quei mesi di bassa stagione, anche la situazione economica è bassa o quasi nulla! Da premettere che anche la Costa Rica non è esente ai problemi economici che, attualmente, mi pare stiano cambiando le situazioni in tutto il mondo. La situazione lavorativa in campo turistico, ne ha risentito della crisi negli ultimi 2/3 anni. Crisi dovuta al “tracollo mondiale” che ha colpito molto gli Stati Uniti e non solo. I turisti nord americani, sino ad un paio di anni fa, rappresentavano circa il 70% del turismo internazionale ed ora sono in calo.



Per il resto, diversi settori qui sono in espansione, come quello delle costruzioni, della medicina ( c’è molto “turismo della salute”, per quanto riguarda le chirurgie plastiche, dentali ecc.), dell’ informatica (abbiamo una delle più grandi fabbriche produttrici di microprocessori per quasi tutti i computer nel mondo che è INTEL), i call center, le società di servizi! In questi 20 anni sono cambiate tante cose, pensa che, quando arrivammo non avevamo neanche il telefono in zona. Ora invece ci sono più servizi, più tecnologia, più strutture ed infrastrutture. Ma anche, e dico purtroppo, molti più problemi di microcriminalità. Comunque, per maggiori chiarimenti e per ottenere informazioni veritiere e precise, consiglio di visionare il Blog di un caro amico – Alfredo Ingegno – che si sta trasferendo anche lui in Costa Rica: www.italiacostarica.com.

Da un punto di vista economico, come si vive in Costa Rica?

I prezzi, rapportati a quelli europei, sono decisamente più bassi. Il cibo è economico se si consumano prodotti “made in Costa Rica”, molto costoso se si acquistano prodotti importati dall’Italia. Per quanto riguarda gli stipendi, uno stipendio medio di un impiegato, nel settore turistico in zone di villeggiatura, si aggira sui US$400/500/600 di media mensili, mentre, l’affitto di una casa può partire da circa US$200/300 al mese.

Sei felice della scelta fatta 20 anni fa?

Felicissima e rifarei assolutamente tutto! Nel nostro percorso qui in Costa Rica, abbiamo dovuto affrontare tante difficoltà, ma siamo stati aiutati da amici e conoscenti, nei differenti momenti di vita in cui queste difficoltà si presentavano. Sai, non avevo grandi aspettative quando decisi di “cambiare vita”, volevo solo vivere in totale semplicità, dedicando più tempo a me stessa, alle persone che amavo e a ciò che mi piaceva fare. E ci sono riuscita. Per finire, ritengo che il Paradiso in terra non esista. Costa Rica è un bellissimo piccolo grande Paese, con tutti i suoi pro e contro, come credo qualsiasi altro Paese nel mondo. Io ci vivo benissimo ed amo molto questa terra, con tutte le sue contraddizioni, ma non è detto che ciò che va bene per me, vada altrettanto bene per altri, ovviamente! Nel momento in cui mi renderò conto che, questa non è più la vita che voglio, ricambierò nuovamente. Quando lo hai fatto già una volta, ti rendi conto che tutte le sicurezze che avevi nella “vita precedente” erano effimere. La principale sicurezza della mia vita sono io! Posso fare tutto, sempre che la salute sia con me, come diceva la mia cara nonna.




La mail per scrivere a Cinzia e Fiorenzo:

buenavistacr@yahoo.it

La pagina Facebook di Casa Buenavista:

www.facebook.com/pages/CASA-BUENAVISTA-Bed-Breakfast-Costa-Rica/277768667421


A cura di Nicole Cascione
Voglio vivere cosi'